Camminare
nella natura


Sentieri ancestrali attraversano le Asturie da Nord a Sud e da Est e Ovest, percorsi dal Paleolitico fino ai giorni nostri. Romani o pastori li utilizzavano per spostarsi da un villaggio all'altro, attraversando o aggirando valli, fiumi e montagne per comprare e vendere, condurre il bestiame ai pascoli di alta montagna o magari per andare alla festa di chissà quale villaggio.

Di recente questi sentieri sono stati presi da te, da me, da tutti gli escursionisti a cui piace gustarsi la natura asturiana: ma non dobbiamo dimenticare che questo va fatto in maniera responsabile e sicura. La responsabilità di sapere che molti di questi percorsi si trovano in spazi naturali e che in questi non possiamo andare dove vogliamo. Che molti di questi percorsi hanno dei confini che non possiamo superare per non turbare la natura, per cui è imprescindibile metterci precedentemente in contatto con chi ci possa fornire una consulenza relativa a ogni spazio naturale. A questo scopo esistono i Centri Studio o gli indirizzi fisici degli spazi, se dovesse essere necessario.
Cascata Xurbeo (Aller)Cascata Xurbeo (Aller).
Non dobbiamo raccogliere esseri viventi se non nella nostra fotocamera, senza far loro pressione né rincorrerli e, soprattutto, non lasciare rifiuti di alcun tipo, e se ne troviamo qualcuno che non è nostro dobbiamo raccoglierlo ogni volta che sia possibile farlo. Dobbiamo anche uscire con la sicurezza di poter fare ritorno con i nostri piedi, sapere che le nostre condizioni fisiche sono adeguate all'itinerario, indossare gli stivali e portare con sé i bastoni corretti, e assicurarci di avere cibo e bevande a sufficienza, dal momento che nella maggior parte dei sentieri non troveremo né fonti d'acqua né luoghi in cui acquistare o fermarci per mangiare nel bel mezzo dell'itinerario.
Percorso verso la Pianura di Brañagallones (Andorviu - Caso)Percorso verso la Pianura di Brañagallones (Andorviu - Caso).
Per sicurezza, è anche consigliabile essere iscritto alla Federazione della Montagna più vicina, e portare con sé il track dell'itineario su un'applicazione mobile o in un dispositivo GPS. Una volta che avrai predisposto tutto questo, esci, gustati il paesaggio, scatta centinaia di foto e condividile. Rendi altre persone partecipi della bellezza di questa terra e dei luoghi reconditi e magnifici che essa custodisce.


Dobbiamo avere la responsabilità di sapere che la natura è meglio lasciarla così com'è, che non rimanga traccia del nostro passaggio.

Sicurezza nella natura

La natura non è priva di rischi, e non lo è neppure la più semplice delle passeggiate. Condizioni meteorologiche mutevoli, smottamenti del terreno, corsi d'acqua, animali selvatici…sono tutti imprevisti che possono irrompere in qualsiasi itinerario, in qualsiasi sentiero, e ai quali dobbiamo essere pronti, per quanto sia possibile. Qualsiasi escursione, per quanto semplice, deve essere preparata.
Prima di tutto...
Valuta le tue possiblità: devi conoscere quali sono i tuoi limiti di distanza e dislivello; a tal proposito, è meglio inizare da itinerari semplici, di non più di due ore e mezza e meno di trecento metri di dislivello, se non sei abituato a fare trekking. Analizza le condizioni del terreno dell'itinerario, i precipizi, le fonti d'acqua che potrai trovare lungo il percorso, le difficoltà del tragitto...

Informati sulle previsioni meteorologiche
Una volta che ti sarà chiaro che itinerari potrai intraprendere, il passo successivo sarà informarti sulle previsioni meteorologiche. Al giorno d'oggi questa è una cosa semplice, e possiamo scoprirle per zone particolarmente specifiche su internet (aemet.es). Rispetta le allerte e verifica le altitudini dell'itinerario, che possono influire molto sulle condizioni nelle quali si effettua il tragitto.
Trekking (Cangas de Onís)Trekking (Cangas de Onís).
Viveri sufficienti
Assicurati di portare con te cibo e bevande a sufficienza (almeno un litro e mezzo a persona al giorno) e adeguate per l'attività.

Equipaggiati
Procurati un equipaggiamento adeguato: è sempre consigliabile utilizzare vari strati di vestiti (maglietta termica, vestiti pesanti, impermeabile). Come calzature, si consiglia uno stivale che blocchi le caviglie, per evitare incidenti come distorsioni o simili. Usare due bastoni aiuta a stabilizzare il nostro passo e ad evitare le cadute.

Prendi precauzioni
Comunica il luogo dove andrai, l'itinerario che percorrerai, il tragitto previsto e il tempo stimato ad amici e/o familari, e avvisali quando arriverai a destinazione. Non percorrere da solo un itinerario. Verifica se il tuo tempo va bene, e se vedi che non ti rimane tempo per giungere a destinazione, accorcia l'itinerario o fai ritorno. Per la tua sicurezza e per quella delle specie che vivono nell'ambiente, non uscire dall'itinerario. E si ti trovi in uno spazio naturale, informati prima sulle zone proibite. Evita rischi non necessari. Lascia chiuse tutte le serrature delle fattorie che incontrerai, e cerca di non avvicinarti troppo al bestiame, per la tua sicurezza e per la sua.
Non dimenticarti di...
  • Kit medico.
  • Metodi di orientamento, come mappa e bussola o il GPS (con track dell'itinerario caricato) o applicazione mobile per il trekking che ti fornisca la tua posizione geografica. Pile o batteria esterna.
  • Vestiti di ricambio.
  • Telefonino.
  • Navaja (tipico coltello spagnolo a serramanico).
  • Uno zaino da trekking da circa 20/30 litri, con attacco ventrale.
In caso di incidente,
chiama il 112.

Percorsi di trekking

Subir arriba
webcontentsearchportlet-category Comune
  • Comune
  • Allande
  • Aller
  • Amieva
  • Avilés
  • Belmonte de Miranda
  • Bimenes
  • Boal
  • Cabrales
  • Cabranes
  • Candamo
  • Cangas del Narcea
  • Cangas de Onís
  • Caravia
  • Carreño
  • Caso
  • Castrillón
  • Castropol
  • Coaña
  • Colunga
  • Corvera de Asturias
  • Cudillero
  • Degaña
  • El Franco
  • Gijón
  • Gozón
  • Grado
  • Grandas de Salime
  • Ibias
  • Illano
  • Illas
  • Langreo
  • Laviana
  • Lena
  • Llanera
  • Llanes
  • Mieres
  • Morcín
  • Muros de Nalón
  • Nava
  • Navia
  • Noreña
  • Onís
  • Oviedo
  • Parres
  • Peñamellera Alta
  • Peñamellera Baja
  • Pesoz
  • Piloña
  • Ponga
  • Pravia
  • Proaza
  • Quirós
  • Las Regueras
  • Ribadedeva
  • Ribadesella
  • Ribera de Arriba
  • Riosa
  • Salas
  • San Martín de Oscos
  • San Martín del Rey Aurelio
  • San Tirso de Abres
  • Santa Eulalia de Oscos
  • Santo Adriano
  • Sariego
  • Siero
  • Sobrescobio
  • Somiedo
  • Soto del Barco
  • Tapia de Casariego
  • Taramundi
  • Teverga
  • Tineo
  • Valdés
  • Vegadeo
  • Villanueva de Oscos
  • Villaviciosa
  • Villayón
  • Yernes y Tameza