Le valli minerarie e il loro volto più naturale


I tesori del Montagna Centrale sono distribuiti tra Ribera de Arriba, Morcín, Riosa, Mieres, Lena e Aller, con un importante patrimonio industriale e minerario, ma anche con abbondanti ricchezze naturali ed etnografiche.

Ribera de Arriba, più in pianura, ha dei bei villaggi come Güeñu/Bueño, con uno dei maggiori esempi di hórreos e paneras di tutte le Asturie. Riosa e Morcín competono sia in bellezze paesaggistiche che in luoghi di interesse. A Riosa la storia del ciclismo è stata scritta con la salita al mitico Angliru, nel mezzo del paesaggio della Sierra del Aramo. Ricordate che gli appassionati di MTB possono divertirsi a visitare "l'anello del ciclismo". Uno dei luoghi più visitati di Morcín è il Monsacro, dove si trovano la cappella di Santa María Magdalena e l'eremo di Santiago, dove la storia racconta che siano conservate le reliquie del cristianesimo.
Salita al mitico Angliru (Riosa)Salita al mitico Angliru (Riosa).
Cappelle di Monsacro (Morcín)Cappelle di Monsacro (Morcín).
È uno dei suoi luoghi più emblematici. Da risaltare ci sono il suo Festival del formaggio Afuega'l Pitu o i luoghi con tanto fascino come il bacino degli Alfilorios e il bellissimo Torrexón a Peñerúes.


La storia mineraria e il carbone, peraltro, fanno parte del comune di Mieres, con un grande patrimonio di archeologia industriale.

Bacino degli Alfilorios (Morcín)Bacino degli Alfilorios (Morcín).
Dalla città mineraria di Bustiello ai pozzi Espinos, Fortuna o Socavón de la Rebaldana, nella valle del Turón, il paesaggio di case e prati si fonde con i castelli minerari, alcuni ben noti come quelli dei pozzi San José o Santa Bárbara. Per conoscere questa storia bisogna visitare sia Bustiello che l'aula didattica di Pozzo Espinos, o quella di Pozzo Fortuna. Mieres è anche luogo di passaggio dei pellegrini che, attraverso il Cammino del Salvatore, arrivano nelle Asturie per visitare la cattedrale di Oviedo/Uviéu e proseguire verso Santiago. Una delle feste più importanti è il pellegrinaggio dei Martiri di Cuna, nelle vicinanze del santuario di San Cosme e San Damián. La capitale di Mieres è piena di attività per il tempo libero. È essenziale bere un po' di sidro a Requejo o godersi la sua "Folixa na Primavera".

Città mineraria di Bustiello (Mieres)Città mineraria di Bustiello (Mieres).
Lena e Aller hanno anche meravigliosi paesaggi e tradizioni ancestrali. Nella Lena, è molto importante d'inverno per gli amanti della neve Valgrande - Payares, con la sua stazione sciistica. Tra le sue grandi attrazioni troviamo la chiesa di Santa Cristina de Lena, dichiarata patrimonio dell'umanità dall'UNESCO nel 1985 e uno dei gioielli preromanici delle Asturie. Ovviamente, prima di salire, è bene fermarsi all'Aula didattica sul Preromanico, situata nella vecchia stazione di La Cobertoria. Molto bella è anche la chiesa romanica di San Antolín de Sotiel.lo, senza dimenticare la chiesa e il santuario di un bellissimo villaggio, Bendueños, con una vista spettacolare sui dintorni. Ci sono numerosi itinerari da percorrere, come quelli del bosco di Valgrande, la valle di Felgueras, Brañavalera, Ablaneo e il Mofusu.

Chiesa di Santa Cristina de Lena (Lena)Chiesa di Santa Cristina de Lena (Lena).
Stazione sciistica Fuentes de Invierno (Aller)Stazione sciistica Fuentes de Invierno (Aller).

Aller ha anche un'offerta importante per gli amanti degli sport invernali con la sua stazione di Fuentes de Invierno.

Tra i suoi itinerari unici ci sono la cascata Xurbeo, le Gole del Pino, quella che porta a Peña Mea e quella che va da Río Aller al passo di montagna di Vegarada. Qui è considerata molto importante la cosiddetta "Via Carisa", tra i comuni di Lena e di Aller, eretta dai Romani ai tempi di Augusto, e che deve il suo nome a Publio Carisio. C'è un accampamento romano a 1.728 metri, sul monte Curriechos, risalente alla guerra contro di loro da parte degli asturiani. La storia delle miniere era presente anche qui, ed è possibile osservare ad esempio le torri dei pozzi San Jorge e Santiago, a Caborana e San Antonio, a Morea/Moreda. C'è anche un sentiero che porta al pozzo di San Fernando, a Uriés. Tra le sue bellezze naturali, oltre a quelle già menzionate, troviamo la malga di Gulial, la valle di San Julian e i passi di montagna di Rasón.

Cascata Xurbeo (Aller)Cascata Xurbeo (Aller).
Ecomuseo Minero Valle de Samuño (Langreo)Ecomuseo Minero Valle de Samuño (Langreo).
Anche la Valle del Nalón è una terra con potenzialità turistiche, una valle dove l'attività mineraria, il carbone, la gente che la abita e il fiume che le dà il nome sono una parte primordiale della storia delle Asturie e della sua gente. Come nel Caudal e in altri luoghi dove c'è stata estrazione mineraria, e non solo di carbone, i minatori e le miniere hanno scritto parte della nostra storia.

MUSI - Museo dell'industria siderurgica (Langreo)MUSI - Museo dell'industria siderurgica (Langreo).
È per questo che a Langreo, con la sua storia industriale, sono molto importanti il MUSI (Museo dell'industria siderurgica) e i pozzi minerari Candín, María Luisa, Fondón, San Luis e Samuño. Per conoscere il suo patrimonio naturale, una buona opzione è quella di realizzare un itinerario, come il Trole e i mulini, l'itinerario circolare di Ciañu e il sentiero verde El Tendejón-La Colladiella. Al giorno d'oggi una delle sue grandi attrazioni è la miniera dell'Ecomuseo Minerario Valle de Samuño, dove col treno minerario il viaggiatore viene introdotto in un'autentica miniera, quella del pozzo San Luis. È un intenso, accattivante e divertente viaggio in una realtà, quella dell'estrazione mineraria, ancora in vita nonostante l'importante ristrutturazione subita dal settore nelle Asturie.

Museo delle Miniere e dell'estrazione mineraria delle AsturieMuseo delle Miniere e dell'estrazione mineraria delle Asturie (San Martín del Rey Aurelio).

A San Martín del Rey Aurelio ci sono due musei di grande importanza nella regione: il MUMI, o Museo delle Miniere e dell'estrazione mineraria delle Asturie, e il Pozzo Sotón.

Il Museo delle Miniere si trova a L'Entregu/El Entrego. Coloro che vogliono godersi la natura hanno opzioni per esplorare la Valle di Santa Barbara partendo da Sotrondio. Il sentiero porta in cima a La Colladiella. Il suo patrimonio industriale è indiscutibile, ed è dimostrato dalle gole dei pozzi Sotón, La Generala, La Sultana, Práu Molín, Venturo, il pozzo Ignacia, la miniera La Bornaína e il tunnel di Santa Bárbara. Per quanto riguarda le miniere di carbone, menzioniamo alcune come il pozzo San Vicente, il pozzo Entrego, il pozzo La Cerezal, il pozzo Venturo, il Sorriego e il già menzionato Sotón.
Pozo Sotón (San Martín del Rey Aurelio)Pozo Sotón (San Martín del Rey Aurelio).
LavianaLaviana.
Nel comune di Laviana, e in particolare a Entrialgo, dobbiamo visitare il luogo di nascita dello scrittore Armando Palacio Valdés, vicino al famoso ponte di La Chalana. A causa della sua ricchezza paesaggistica ci sono molti sentieri che possono essere percorsi da qui, tra cui le Gole del Raigosu, un giro a Peñamayor, la salita a Peña Mea e il sentiero verde El Sutu-La Var. Questo sentiero nella Valle del Nalón termina in due comuni, Sobrescobio e Caso, che formano il famoso Parco Naturale di Redes.


Quando si arriva a Sobrescobio, ci si lascia dietro il paesaggio minerario e industriale per trovarsi davanti a uno spettacolo naturale aperto.

Soto (Sobrescobio)Soto (Sobrescobio).
Sentiero dell'Alba Sobrescobio)Sentiero dell'Alba (Sobrescobio).
Torremorón de Villamoréi osserva i nostri passi. Impressionate, senza dubbio, il bacino di Tañes, con la sua chiesa collegiata di Santa María la Real che sovrasta le sue acque, o il Sentiero dell'Alba, che partendo da Soto, porta il viaggiatore su un sentiero di verde, pietra e acqua con una bellezza stupefacente. Soto è uno di quei villaggi da visitare per forza. Lo sono anche Campiellos, Villamoréi, Llaíñes/Ladines, La Polina e la stessa capitale, Rusecu/Rioseco. Altri itinerari raccomandabili sono al Picu La Xamoca, il sentiero della strada romana, il sentiero verde di Torrexón e quello che porta a Tabayón del Mongayu da Tarna.

Andorviu (Caso)Andorviu (Caso).
E da Sobrescobio a Caso, culla del grande formaggio di casin, uno dei più emblematici delle Asturie. Per scoprire di più sulle meraviglie di questo luogo consigliamo di andare al Centro di Ricevimento e Interpretazione della Natura del Parco Naturale, a El Campu, la capitale del comune, una terra piena di persone affettuose e che amano camminare, con villaggi come Caliao, Orllé, Veneros, Bueres, El Tozu, Belerda, Bezanes, Coballes e Tarna. Uno dei luoghi più impressionanti della zona è Brañagallones. Salire fin lì e scoprirlo è un'esperienza indimenticabile, e da lì è possibile percorrere, per esempio, il sentiero di Peña'l Vientu. Anche da Caso è possibile scalare la vetta del Tiatordos. È essenziale visitare il Museo del Legno a Veneros, un tributo soprattutto ai tanti artigiani degli zoccoli che vivevano in questa zona.

Subir arriba
Maggiori informazioni sui consigli del percorso: