La zona del sidro e la costa orientale delle Asturie

Il sidroturismo è una parola piena di significato nei comuni della Comarca del Sidro, soprattutto a Villaviciosa e Nava, capitali del sidro e della mela. Insieme a loro, Cabranes, Bimenes, Colunga e Sariego. A Villaviciosa, troviamo arte preromanica e romanica in abbondanza, oltre a vari itinerari e il Cammino di Santiago, che attraversa il comune. Ha una bellissima ría, dove è un piacere osservare il tramonto da El Puntal o sulla spiaggia di Bonhome.

È essenziale anche conoscere la storia del giaietto, cercare mulini lungo il fiume Profundu o addirittura perdersi un po' a Sietes, con un gran numero di hórreos e paneras di interesse. Bisogna anche andare semplicemente un po' in giro per il villaggio.

È essenziale perdersi nei vicoli del porto di Tazones, gente di mare pura.

Tazones (Villaviciosa)Tazones (Villaviciosa).
Nell'altro comune del sidro, Nava, gli amanti della natura hanno luoghi pittoreschi come La Praera, o villaggi come Piloñeta o Grátila, così come le gole del fiume Pendón e il sentiero di Remediu. I più llambiones (golosi) devono visitare Cabranes, dove si svolge il festival del risolatte, famoso in tutta la regione, e già che ci sono, visitare piccoli villaggi come Santolaya, la sua capitale, o Torazu. Il museo della scuola rurale, a Viñón, merita senza dubbio un'altra visita.

Anche Sariego e Bimenes sono dei bei villaggi con un buon paesaggio. Nel primo ci sono la chiesa di Santa Maria e la cappella di San Pedrín, accanto alla grotta, oltre al sentiero vicino al cielo. A Bimenes gli amanti dei salumi troveranno un gran numero di salumifici tradizionali. E gli amanti della radio potranno visitare la Casa delle Radio.
Torazu (Cabranes)Torazu (Cabranes).
Llastres (Colunga)Llastres (Colunga).
Colunga, come tutte le zone costiere a partire da Villaviciosa, è un sito naturale di ichnitas (impronte di dinosauri); è per questo motivo che nella Rasa di San Telmo, molto vicino al porto di Llastres, c'è il Museo del Giurassico delle Asturie. Colunga è bella sia in riva al mare che nella valle e in montagna. Oltre alle sue meravigliose spiagge, vale la pena visitare anche villaggi come Güerres, Lloroñi, Llue, Lliberdón e Gobiendes. E se siete amanti dei fari, dovete visitare quello delle Lluces/Luces.

Faro di Lluces/Luces (Colunga)Faro di Lluces/Luces (Colunga).
Caravia, Ribadesella, Llanes e Ribadedeva non sono affascinanti solo per il mare, ma anche per la zona interna piena di valli, montagne e foreste. Nel caso del primo, è facile rimanere affascinati da spiagge come quelle di Arenal de Morís e La Espasa.


Poi, guardando la montagna, c'è anche un altro gioiello, la Sierra del Sueve, condivisa tra vari comuni consigli e dominata dal Picu Pienzu. Senza dimenticare il punto panoramico di Fitu.

Punto panoramico di Fitu (Parres)Punto panoramico di Fitu (Parres).
Ribadesella/RibeseyaRibadesella/Ribeseya.
Per quanto riguarda la storia degli indiani, questa è visibile in tutto l'Oriente attraverso la sua eredità architettonica. Ribadesella e Llanes sono due chiari esempi. Nel caso di Ribadesella/Ribeseya si può ammirare, ad esempio, il lungomare della spiaggia di Santa Marina, senza dimenticare il suo centro storico e luoghi come il mercato del pesce e il porto. In Ribadesella è obbligatorio visitare le grotte di Tito Bustillo, o i villaggi pieni di fascino come Cueves.

Cueves (Ribadesella)Cueves (Ribadesella).
Llanes mantiene la bellezza del resto dell'oriente asturiano. Sia in termini di immensa ricchezza di spiagge e cale che di paesaggio interno. Già solo partendo dal villaggio di pescatori, che seduce a prima vista, e con tutto il suo centro storico, passando per villaggi e luoghi particolari come i getti d'acqua di Pría e quelli di Vidiago, il cimitero sulla ría tra Barru e Niembru, o piccoli villaggi come Porrúa, Cue, Andrín, Po, Nueva, Rinsena, El Mazucu, Vidiago, Buelna, Valmori, Niembru e Pendueles.

LlanesLlanes.
In Ribadedeva è famosa la storia dei calzolai di Pimiango. L'eremo di San Emeterio e le rovine del monastero di Tina sono una visita imperdibile.


Colombres, la sua capitale, è anche un tributo agli indiani, poiché ci sono molte dimore e palazzi che li ricordano.

Colombres (Ribadedeva)Colombres (Ribadedeva).
Il più importante è "La Quinta Guadalupe", che da anni ospita l'Archivio degli Indiani e il Museo dell'Emigrazione. E, arrivati ad Alles, capitale del Peñamellera Alta, è essenziale visitare l'imponente chiesa di San Pedro, nel centro della città, e i resti ristrutturati della vecchia chiesa di San Pedro de Plecín, che si trovano in un luogo magico. A Trescares troverete il bellissimo ponte La Vidre, e una bella e tortuosa strada, con una vista spettacolare, vi condurrà a Oceño, dove è anche possibile acquistare il formaggio di Cabrales. Peñamellera Baja, la cui capitale è Panes, ha monumenti naturali come la Sauceda de Buelles, villlaggi peculiari come Cuñaba e monumenti come la chiesa di San Juan de Ciliergo. Bisognerebbe riservare del tempo per una visita alla grotta della Loja, con i suoi esempi di arte paleolitica.

Pico Peñamellera (Peñamellera Baja)Pico Peñamellera (Peñamellera Baja).
Subir arriba
Maggiori informazioni sui consigli del percorso:
In attesa dei risultati...
In attesa dei risultati...