Lungo i cammini reali e la Ruta Jacobea

Oviedo/Uviéu è la capitale del Principato delle Asturie. Molto vicino ci sono Llanera, Noreña e Siero, che costituiscono la Comarca del Nora. Nel caso di Llanera, è possibile realizzare il sentiero dei Palazzi. Gli appassionati di auto potranno visitare il Circuito e il Museo Fernando Alonso. Tra le sue feste c'è da mettere in evidenza quella degli Exconxuraos. Per quanto riguarda Siero, è necessario sottolineare il suo passato minerario, di cui possiamo vedere traccia nei castilletes e nei pozzi come Pumarabule e Mosquitera. Tutto questo può essere vissuto più da vicino se si realizza il sentiero minerario di Jovellanos.

Sorprende anche il gran numero di palazzi e dimore blasonate. Siero è anche noto per la sua produzione di sidro, poiché è il terzo comune lagarero della regione. Tra le sue feste più emblematiche ci sono quelle dei Huevos Pintos e quella di Carmín de La Pola Siero. Per ultimo, e una volta giunti a Noreña, la capitale salumiera per antonomasia delle Asturie, quello che bisogna mangiare, quando arriva la stagione, sono la moscancia (simile alla morcilla, ma con grasso di vaccino o di agnello) o sabadiego (chorizo con anima di morcilla). La sua industria della carne e il maiale sono così importanti che gli è stata dedicata persino una statua, situata molto vicino al palazzo municipale.
Festa di Exconxuraos (Llanera)Festa di Exconxuraos (Llanera).
Festa di Huevos Pintos. La Pola SieroFesta di Huevos Pintos. La Pola Siero.

Las Regueras è un comune pieno di storia e tradizione, che attraversa il Cammino di Santiago.

I pellegrini attraversano anche Las Regueras, comune che insieme a Santo Adriano, Proaza, Quirós, Teverga, Grado, Candamo, Yernes y Tameza, Belmonte de Miranda e Somiedo sono inclusi sotto il nome di Camín Real de la Mesa. Il Camín fu durante tutto il Medioevo il luogo attraverso il quale persone, bestiame e merci passarono tra Asturie e Castiglia.
Cammino di Santiago (Grado)Cammino di Santiago (Grado).
Tra i suoi edifici di interesse c'è la chiesa preromanica di San Pedro de Nora, del tardo IX secolo, e le terme romane di Valduno. Tra i suoi monumenti naturali troviamo i meandri del Nora. Ha un importante patrimonio etnografico, di cui uno dei suoi grandi rappresentanti è il Molin de Picarín. Ha un ostello per pellegrini.

Sentiero dell'OrsoSentiero dell'Orso.
In direzione della Valle dell'Orso, il viaggiatore arriva fino a San Adriano, dove inizia il Sentiero dell'Orso, costruito sul tracciato di un vecchio treno minerario. È lungo un totale di 29 chilometri, e anche se alcuni lo percorrono a piedi, la maggior parte dei viaggiatori sceglie la bicicletta, che si può affittare in diversi punti del percorso. A Santo Adriano si trova il tempio preromanico di Santo Adriano de Tuñón. Nell'area ricreativa di Buyera c'è il recinto dove vivono gli orsi "Paca" e "Molina". E per molti anni anche l'orso "Tola", morta nel gennaio 2018. De Villanueva, capitale del comune, parte del famoso Sentiero del Desfiladero de las Xanas, che termina a Pedroveya, a Quirós.

Chiesa preromanica di Tuñón (Santo Adriano)Chiesa preromanica di Tuñón (Santo Adriano).
Continuando si arriva a Proaza, con un gran numero di hotel e ristoranti nella sua capitale. Oltre al già citato sentiero che lo attraversa, ci sono molti itinerari. Uno dei villaggi più sorprendenti è quello medievale di Banduxu, che può essere raggiunto a piedi o in auto. Quindi il Sentiero dell'Orso si divide in due offrendo la possibilità di giungere a Quirós o a Teverga. Se si sceglie Quirós, c'è da sottolineare che oltre al prezioso bacino di Valdemurio, c'è il bellissimo villaggio di Bermiego, dove si trova uno dei più famosi tassi. Luoghi di particolare fascino sono l'eremo della Vergine di Alba e i mulini di Corroriu. A Bárzana, la capitale, c'è un gran numero di ristoranti e servizi di ogni genere. È essenziale visitare il suo museo etnografico.

Banduxu (Proaza)Banduxu (Proaza).
Parco Naturale Las Ubiñas-La MesaParco Naturale Las Ubiñas-La Mesa.
Per quanto riguarda Teverga, a Samartín, gli amanti delle visite culturali dovrebbero visitare la collegiata di San Pedro. All'interno vi è un museo, dove sono custoditi i cadaveri mummificati del Marchese di Valdecarzana e suo figlio Pedro de Miranda, abate della collegiata dal 1690 al 1720. Vicino a Quirós e Lena c'è il Parco Naturale Las Ubiñas-La Mesa. Alcune tra le bellezze naturali sono la Grotta Huerta e i passi di montagna di Marabio.


Il faggeto di Montegrande e la cascata dello Xiblu sono visite essenziali per ogni amante della natura.

Cascata dello Xiblu (Teverga)Cascata dello Xiblu (Teverga).
Anche a Teverga ci sono malghe di pascolo con la presenza di capanne, teitos e corros. Una di quelle brañas è quella di Las Cadenas, dove ci sono corros e capanne. Per quanto riguarda le brañas dove è possibile vedere teitos (di pietra con tetti di rami di ginestra), ce ne sono trentanove catalogate nel comune, sono quelle di Fonfría, El Valle, Tuiza, Llamaraxil e El Rebellón. Tra i centri museali rilevanti c'è anche il Parco della preistoria. E un gruppo di bei villaggi chiamati del Privilegio: Parmu, La Vil.la de Su e, soprattutto, La Foceicha.

Parco della preistoria di TevergaParco della preistoria di Teverga.
Silviella (Belmonte de Miranda)Silviella (Belmonte de Miranda).
Anche Belmonte de Miranda, come Somiedo, è territorio di orsi. A Belmonte/Balmonte capitale c'è la Casa del Lobo, la cui visita è combinata con un'altra al recinto dei lupi, mentre a Silviella c'è una delle aree ricreative più belle della zona. Salendo al bellissimo villaggio di Bixega troviamo alcune delle sue brañas, dotate anche di percorsi segnalati: c'è quella di Fuexos, a Montoubu, e quelle della Vaqueira, la Castañal e la Calzada Romana.


Somiedo, per conto suo, innamora fin dal primo minuto. Grandi valli, montagne, laghi, foreste, villaggi... e tutto nel mezzo di una natura estremamente generosa.

Braña de la Pornacal (Somiedo)Braña de la Pornacal (Somiedo).
È, senza dubbio, il regno dell'orso bruno, i cui avvistamenti sono sempre più frequenti. Il Parco Naturale di Somiedo è composto da quattro valli: Somiedo, Pigüeña, Valle e Saliencia. Una visita obbligatoria qui è quella dell'Ecomuseo di Somiedo, a Caunedo. Per menzionare alcune tra le numerose brañas, costruite con i famosi tetti di rami di ginestra, ci sono quelle di Sousas, Mumián, Saliencia e La Pornacal. Pola de Somiedo, Caunedo, La Rebollada, La Peral, Arbellales e lo stesso passo di montagna sono borgate, per citarne solo alcune, che piaceranno ai viaggiatori, così come gli impressionanti laghi di Saliencia. Ci sono molti itinerari. Per conoscerli è meglio andare al Centro di accoglienza e di interpretazione del Parco Naturale di Somiedo, a Pola de Somiedo.

Subir arriba
In attesa dei risultati...
In attesa dei risultati...