Dalle Fuentes del Narcea al territorio vaqueiro

Cangas del Narcea, Ibias e Degaña sono terre con bellissimi paesaggi e una grande ricchezza etnografica. Cangas del Narcea, oltre al Parco Naturale che condivide con Degaña e Ibias, è anche piena di storia delle miniere e della viticoltura nelle Asturie. Il suo vino ha la Denominazione d'Origine Protetta di Cangas, e qui possiamo trovare un complesso museale dedicato al vino. Il villaggio ha degli angoli affascinanti, come la Calle Mayor, e quartieri antichi come Entrambasaguas e El Cascarín.

I tre comuni formano il Parco Naturale de las Fuentes del Narcea, Degaña e Ibias.

Gli edifici di interesse sono senza dubbio il Parador, il vecchio monastero di San Juan Bautista de Corias e il santuario della Virgen del Acebo. Alcuni bei villaggi sono Bisuyu, dove nacque il drammaturgo Alejandro Casona; la salita a El Puertu; Xedré, Mual, Xinestosu e L.lamas del Mouru, dove si trovano gli artigiani della ceramica nera. Uno dei luoghi da non perdere per gli amanti della natura è la foresta di Muniellos.
I vignetiI vigneti.
Foresta di MuniellosForesta di Muniellos.
Degaña e Ibias sono meno esplorati, ma non meno belli. Nel primo, Trabáu, El Corralín e Fonduveigas sono villaggi di grande interesse etnografico. Per quanto riguarda Ibias, gli hórreos con il tetto di paglia destano l'attenzione dei viaggiatori. Ce ne sono anche altri con il tetto di ardesia. Bei villaggi, molti dei quali sorprendenti, sono Uría, Alguerdo, Valvaler, Seroiro e Pradías, oltre a Riodeporcos, a cui si accede attraverso un ponte sospeso.

Riodeporcos (Ibias)Riodeporcos (Ibias).
Le terre dei comuni della Comarca Vaqueira sono anche piene di storia, di tradizioni singolari, di cultura propria e di amore per le radici: Valdés, Salas, Tineo, Cudillero e Allande, sebbene ci siano vaqueiros e radici vaqueiras anche a Somiedo, Teverga e Cangas del Narcea. Il nome è dovuto al fatto che i vaqueiros portavano il loro bestiame in tutti questi siti, luoghi di montagna e brañas.

VAQUEIROS DE ALZADA

I vaqueiros de alzada emersero come gruppo sociale specifico nel quindicesimo secolo nell'area centro-occidentale delle Asturie. Sono noti per essere allevatori di bestiame e per realizzare la "alzada" (erezione in senso architettonico); ovvero, dopo aver vissuto durante l'inverno nei villaggi della valle, con l'arrivo del bel tempo "erigevano" in senso letterale la loro casa e, con tutti i loro averi e il necessario per vivere, andavano a trascorrere la primavera e l'estate con gli animali nei passi di montagna, vivendo nelle casette mentre si prendevano cura dei loro animali. Il loro isolamento geografico, la loro cultura e un modo di vivere più indipendente e libero per secoli sono stati malvisti tra il resto della popolazione, che li ha chiamati sia xaldos che marnuetos. Al giorno d'oggi, le loro tradizioni, la loro cultura e la loro preoccupazione di trasmetterla occupano il posto che merita in termini di importanza nella storia del popolo asturiano, avendo superato col tempo tutti gli ostacoli che gli sono stati imposti e che gli hanno causato anni di emarginazione sociale.

Matrimonio vaqueiroMatrimonio vaqueiro.
Montefurado (Allande)Montefurado (Allande).
Allande è un comune da godersi. Qui è possibile visitare Montefurado, a Puerto del Palo, o villaggi unici come Bustantigo, Berducedo, Mon e Is. È essenziale conoscere la città medievale di San Emiliano. Una delle sue brañas più belle è quella di Campel. Coloro alla ricerca di tetti storici dovrebbero vedere quelli della chiesa di Santa Coloma. Il suo castro più importante è quello di San Chuis. L.luarca, capitale del Valdés, ha uno dei porti più belli dell'Occidente. Oltre alle spiagge, vale la pena visitare i villaggi dell'entroterra come Trevías o Brieves, senza dimenticare la valle di Paredes, il sentiero delle gole dell'Esva o le brañas vaqueiras di Arcayana, Argumosu, Enverniegu e Aristébanu. In quest'ultimo, che confina con il comune di Tineo, ogni anno vengono celebrati il matrimonio e il festival di Vaqueiros.

L.luarca (Valdés)L.luarca (Valdés).
Salas impressiona il suo centro storico, con edifici come la chiesa di San Martín, la collegiata di Santa María la Mayor e la torre palazzo dei Valdés-Salas. Ci sono anche l'albero di tasso millenario che cresce nel mezzo del cimitero, la salita al santuario della Virgen del Viso e gli splendidi villaggi indiani di Malleza, Mallecina e La Granja. A Cornellana, è d'obbligo una visita all'esterno del monastero di San Giovanni Battista, dove si fermano i pellegrini. Come nel caso precedente, quelli che vanno a Santiago passano anche a Tineo. Anche se solo dall'esterno, è necessario visitare i monasteri romanici di Oubona e San Miguel de Bárzana; il bello e impressionante Carbayu (quercia) di Valentín; Navelgas, con una grande storia di estrazione mineraria romana e dove ancora si cerca l'oro, e Naraval, dove si trova il museo vaqueiro.

SalasSalas.

Il porto di Cudillero provoca stupore e fascino nei viaggiatori, un luogo indubbiamente suggestivo con il suo anfiteatro sospeso sul mare.

Le sue spiagge sono altrettanto belle. Molto belli sono il Cabo Vidío, il suo faro e il villaggio di Oviñana, così come quelli che fanno parte della valle di Luiñas, come Soto de Luiña e San Martín de Luiña. Da lì è possibile andare alle brañas di Brañaseca, Gallinero e Cipiello, dove con il bel tempo ci sono viste spettacolari.

CudilleroCudillero.
Subir arriba
In attesa dei risultati...
In attesa dei risultati...